Ma quanto costa l'olio essenziale?

Una delle considerazioni che sento fare più spesso, è che al supermercato l'olio di lavanda costa pochissimo rispetto al mercatino (o all'erboristeria). In effetti basterebbe leggere con attenzione le diverse etichette per capire la differenza di prezzo e di "sostanza". Un olio essenziale di lavanda PURO al 100%, come quello che propone la sbarbia e/o le aziende agricole o erboristerie, è prodotto semplicemente per estrazione di olio essenziale dai fiori freschi recisi.
Quindi è un prodotto assolutamente naturale senza nessuna altra sostanza aggiunta.
Nella grande distribuzione però, dove il cliente non è troppo esigente e il prezzo la fa da padrone, è facile trovare oli essenziali diluiti con altri oli vegetali. Ci sono poi una infinità di prodotti che dell'essenza del fiore o della pianta ecc non ne hanno neanche l'ombra. Si tratta di sostanze puramente sintetiche miscelate con alcol ed essenze artificiali che risultano molto intense e persistenti, ma a giudicare dagli ingredienti e dalle avvertenze sull'impiego, non sembrano essere molto salutari né per noi né per l'ambiente.
Questi prodotti possono costare pochi spiccioli o al contrario, più di un olio essenziale, dipende da chi li produce e se sono destinati ai piccoli dispositivi elettrici diffusori. In conclusione, senza voler difendere un prodotto rispetto a un altro, possiamo semplicemente dire che non si possono fare paragoni, né di qualità né soprattutto di prezzo.
Per quanto riguarda l'olio essenziale di lavanda, basta dire che ci vogliono 250 kg di fiori (generalmente recisi a mano se si parla dell'italia) per ottenere circa 4 litri di olio puro e naturale al 100%. Ecco quindi, che il prezzo di un flaconcino da 10 ml è più che giustificato!